LILT in Italia

LILT è l’acronimo di Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori, Ente Pubblico su base associativa che opera sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, sotto la vigilanza del Ministero della Sanità e si articola in Comitati Regionali di Coordinamento.

Opera senza fini di lucro e ha come compito istituzionale primario la prevenzione oncologica.

L’impegno della LILT nella lotta contro i tumori si dispiega principalmente su tre fronti:

  • la prevenzione primaria (stili e abitudini di vita);
  • quella secondaria (promozione di una cultura della diagnosi precoce);
  • l’attenzione verso il malato, la sua famiglia, la riabilitazione e il reinserimento sociale.

L’obiettivo della LILT è quello di costruire attorno al malato oncologico una rete di solidarietà, di sicurezza e di informazione.

In questo senso i punti di forza della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori sono rappresentati dai 389 ambulatori dislocati su tutto il territorio nazionale e dagli oltre 20 mila volontari al servizio della comunità. Attraverso le 103 Sezioni Provinciali la LILT persegue le proprie finalità sul territorio nazionale.

Le Sezioni sono organismi associativi autonomi (in molti casi riconosciute come ONLUS) che operano nel quadro delle direttive e sotto il coordinamento della Sede Centrale di Roma e dei rispettivi Comitati Regionali di Coordinamento.

Il 7 aprile 2003, in occasione della Giornata Mondiale della Sanità, il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, con una solenne cerimonia al Quirinale, ha insignito la Lega della Medaglia d’oro ai Benemeriti della Salute Pubblica.